Responsive Design e SEO

Responsive Design e SEO
5 Flares 5 Flares ×

Responsive Design e SEO costituiscono un binomio di difficile realizzazione, ma dai risultati potenzialmente eccellenti.


Per Responsive Design si intende il particolare layout di un sito Web, di un blog o di un e-commerce, che è capace di adattarsi perfettamente alla navigazione da dispositivi mobili, come tablet e smartphone. Non solo.

Il Responsive Design è anche in grado di formattare le pagine Internet in funzione della diagonale e della risoluzione di differenti schermi per computer, così che i contenuti vengano visualizzati per intero pur se con diversa disposizione degli elementi (post, widget, testi presenti nella head o nel footer).

Un esempio di questo tipo di struttura è rappresentato dallo stesso sito Web di Handergy. Su di un display ampio e ad alta definizione la home page viene visualizzata come nell’immagine riportata in alto. Su di uno smartphone l’impaginazione cambia sensibilmente, come dimostrano i seguenti screenshot.

Il responsive design visualizzato su smartphone.
Il menu nei Responsive Design

Con un po’ di attenzione si nota che il Responsive Design non si limita alla riformattazione dei contenuti, ma interviene anche nella configurazione dei menu. I quali, per lasciare posto ad altri elementi e compensare il ridotto spazio disponibile, assumono struttura “a tendina”.

Le complicazioni della SEO

Abbiamo detto che il compito di mediare tra i requisiti della SEO e del Responsive Design non è certamente tra i più facili. Per una ragione di fondo: i layout “adattivi” necessitano di un cospicuo set di istruzioni PHP / HTML e soprattutto CSS, volto ad identificare il monitor sul quale avviene la rappresentazione per adeguare automaticamente la conformazione delle pagine.

La SEO, al contrario, pretende la migliore ottimizzazione, lo sfoltimento e l’eliminazione di qualunque stringa di codice che non sia finalizzata ad agevolare il monitoraggio e l’indicizzazione operati dagli spider dei motori di ricerca.

Esperienza e competenza tecnica possono compensare esigenze tanto contrastanti se non addirittura contrapposte, ma è sempre necessario che il webmaster valuti caso per caso la struttura più opportuna. Anche in funzione di eventuali plugin ed estensioni installati nei CMS come Joomla! e WordPress, o in applicazioni e-commerce come Magento.

Perché il Responsive Design

In ossequio alle regole della Search Engine Optimization, specialmente nei casi in cui il buon posizionamento nelle SERP è un imperativo strategico, può talvolta rendersi necessario rinunciare al Responsive Design. Ma si tratta – ovviamente – di occasioni sporadiche, rare.

Il più delle volte la capacità di adeguarsi a differenti monitor rappresenta invece per i siti Web una priorità imprescindibile, capace di influenzare sensibilmente indici come bounce ed exit rate, e conseguentemente i lead ed il tasso di conversione.

D’altra parte, come testimoniano i dati statistici più recenti, l’accesso ad Internet da smartphone ed altri device più o meno tascabili si fa sempre più frequente, ed è destinato a tradursi prossimamente come fenomeno di massa di gran lunga superiore a quello che ha caratterizzato negli anni la fruizione del Web da computer.

In definitiva, come spesso accade, la soluzione migliore è nel mezzo: un sito Web pienamente ottimizzato sotto il profilo SEO, ma altrettanto curato nell’aspetto, nella grafica, e dunque dotato di un Responsive Design capace di garantire superiori parametri di compatibilità ed accessibilità.


Vorresti dotare il tuo sito Internet, personale o aziendale, di un efficace layout adattivo? Contatta Handergy via email.
Oppure chiama i nostri consulenti!I siti SEO di Handergy: garanzia di successo. 

5 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 5 5 Flares ×

1 commento

  1. spunti molto interessanti… 🙂
    grazie

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *