Page Speed Test

Page Speed Test | Ecco i risultati del test di velocità di caricamento praticato sul tuo sito Web. Ed i primi suggerimenti per migliorare le prestazioni.


Page Speed Test ha elaborato i tempi di risposta del sito Web da te indicato, dopo aver inviato un ping da due differenti e distanti server (Europa e Stati Uniti d’America).

Page Speed Test
Handergy Srl

Il risultato del test può dipendere da numerosi fattori: l’efficienza del server sul quale poggia il sito, il numero di condivisioni delle risorse (gli hosting “dedicati” sono ovviamente favoriti), la complessità del database che gestisce dinamicamente testo, immagini ed altri elementi.
Le prestazioni sono un requisito fondamentale per l’indicizzazione e per tutti i processi di conversione dei contatti. Ottimizzarle?

Chiedici come
Naturalmente le performance non dipendono soltanto dalla dotazione hardware e software. È di estrema importanza la qualità del codice col quale è compilata la pagina Internet. Ad esempio è sufficiente ordinare Java Script e fogli di stile per registrare un sensibile miglioramento.

Il Page Speed Test è poi condizionato dal “peso” delle immagini, dalla loro ottimizzazione e dalla presenza di specifiche sulle reali dimensioni. Un numero elevato di query può rallentare il caricamento, così come l’eccessiva presenza di link, interni o esterni.

Gli script ed i CSS possono essere ottimizzati e dalle stringhe PHP è possibile rimuovere i “commenti” – utili agli sviluppatori ma capaci di appesantire considerevolmente una pagina particolarmente complessa.

L’HTML può essere minimizzato, e può essere attivato il caching del browser così che lo stesso non abbia necessità di caricare ad ogni aggiornamento tutti gli elementi che compongono la pagina. È persino possibile “rimandare” porzioni di codice, per dare precedenza a contenuti dalla maggiore priorità.

Tutte queste variabili – ognuna in misura più o meno sensibile – possono influenzare il Page Speed Test. E allo stesso modo incidono considerevolmente nella “reputazione” assegnata al sito Internet dai motori di ricerca.

Google, ad esempio, indica proprio i ridotti tempi di caricamento come un valore fondamentale, non trascurabile. Tanto da consentire attraverso alcuni dei suoi più noti strumenti gratuiti – Analytics e Webmaster Tool – la misurazione delle prestazioni anche dalla prospettiva degli utenti.

Quando Page Speed Test suona come campanello di allarme.

Le ultime considerazioni vanno ai tempi di caricamento “ordinari”, con ping inviati da e verso lo stesso continente:

  • la home page di un blog non particolarmente complesso dovrebbe essere pienamente visibile entro un secondo, possibilmente prima di 0,5”;
  • un sito Web notevolmente strutturato potrebbe richiedere qualche decimo in più;
  • un ecommerce come Magento – soprattutto se corredato del richiamo in home di numerose schede prodotto – può raggiungere il tetto di 1,5”.

I riferimenti sono da considerarsi tempi massimi tollerabili; nel caso in cui vengano superati attraverso il Page Speed Test è possibile che il sito Web sottoposto ad analisi soffra di seri inconvenienti.

La risposta può tardare sensibilmente quando il test viene effettuato “in remoto”, cioè attraverso un server che risiede in un continente diverso da quello di destinazione.

Page Speed Test locale

Abbiamo inviato un "ping" a dal nostro server. Il sito di destinazione ci ha risposto in:

0.0002 secondi.

Test remoto

Abbiamo effettuato un richiamo del sito dagli Stati Uniti. La risposta e' pervenuta in:

[NON PERVENUTO] secondi.

Se desideri puoi effettuare nuovamente il Page Speed Test tornando alla pagina precedente.